cos’è l’endometriosi? dieci caratteristiche della malattia zitella

Cos’è l’endometriosi? Una malattia terribile, eppure affascinante. Avvolta nel mistero, sopraggiunge inaspettata. Donna, profuma di ormoni. Seduce col suo potere: fa suo complice chi dovrebbe catturarla. E non si lascia nemmeno fotografare. Allergica al maschio, detesta anche i bambini. Chi mai la capirà?

solitaria

Poche parole raccontano in breve cos’è l’endometriosi. Una malattia:

  1. femminile
  2. solitaria
  3. diffusa
  4. personalizzata
  5. misteriosa
  6. si nutre di ormoni
  7. influenzata dalla psiche
  8. invalidante
  9. non curabile
  10. migliorabile

femminile

Salvo rare eccezioni, l’endometriosi colpisce solo donne. Donne in età riproduttiva: in media, dai 15 ai 49 anni. Esistono anche rari casi di endometriosi maschile. Questi dimostrerebbero che l’endometriosi nasce da cellule che si trasformano.

solitaria

L’endometriosi è una malattia “zitella” perché crea problemi di coppia e provoca infertilità. Sembra quasi promuovere la solitudine della donna, ostacolando la sua piena realizzazione come compagna e come madre.

diffusa

L’endometriosi colpisce 1 donna in età riproduttiva su 10. È una stima volutamente abbondante, che include anche una quota sommersa di donne: quelle inconsapevoli di essere malate, perché non hanno sintomi, o perché non hanno ancora ricevuto una diagnosi di endometriosi. 10% delle donne in età riproduttiva significa, in tutto il mondo, 176 milioni di donne, senza distinzione etnica o sociale.

176 milioni quanti sonopersonalizzata

L’endometriosi non ha regole: né per colpire, né per manifestarsi. Da donna a donna cambiano i sintomi, le cause e le conseguenze della malattia. Per molte donne è una malattia ereditaria, per molte i geni non c’entrano nulla; per molte donne è una malattia progressiva, per altre è regressiva senza necessità di trattamento. È proprio questa estrema personalizzazione che rende l’endometriosi così difficile da fotografare e capire.

misteriosa

Dopo 100 anni di studi e ricerche, ancora non si conoscono le cause dell’endometriosi. Non è un tumore, ma ne ha certe caratteristiche. Non è una malattia autoimmune, ma ne ha certe caratteristiche. Non si capiscono i suoi meccanismi, quindi non si trova una cura per guarirla definitivamente.

si nutre di ormoni

L’endometriosi dipende dagli ormoni. Precisamente da un estrogeno, il più potente: l’estradiolo. L’abbondanza di questo ormone in corpo stimola e nutre la malattia. Tutti i farmaci per endometriosi, ad eccezione dei FANS, sono ormoni sintetici che mirano a ripristinare l’equilibrio ormonale, così che l’estradiolo non sia più dominante.

influenzata dalla psiche

Emozioni negative e stress incidono pesantemente sullo squilibrio ormonale. Infatti, la produzione di cortisolo (ormone dello stress) diminuisce il progesterone in circolazione. Automaticamente aumenta il livello degli estrogeni, che fanno crescere l’endometriosi.

invalidante

L’endometriosi pregiudica la qualità della vita di ogni donna che ne soffre. Sintomi come il dolore, la stanchezza, le emozioni negative associate alla malattia cronica, abbattono il fisico e la mente. Possono sorgere problemi a lavoro, o nel rapporto di coppia. Può diventare difficile concepire un figlio. Nel 2016 l’endometriosi è stata riconosciuta come malattia cronica invalidante.

non curabile

La medicina ufficiale dichiara limpidamente di non saper curare l’endometriosi. Dalla prefazione di Endometriosi di C. Bulletti, A. Cerni e M.E. Coccia,

siamo molto lontani dall’approccio di cura che rimuove le cause della malattia lasciando la donna permanentemente libera dalla malattia stessa.

I farmaci e la chirurgia non curano la malattia, ma solo i suoi sintomi. Quindi la malattia viene tenuta a bada, ma non guarisce. Una volta che i farmaci vengono sospesi, o a distanza di tempo dall’intervento chirurgico, i sintomi tornano spesso a manifestarsi: la recidiva è dietro l’angolo. Quando saranno chiare le cause dell’endometriosi, forse solo allora, si potrà trovare una cura per la guarigione definitiva.

migliorabile

Migliorare la qualità della vita delle donne con endometriosi è l’obiettivo che si pone la ricerca. L’endometriosi fa soffrire molto, quindi le cure sono volte soprattutto a spegnere il dolore. Trattandosi di una malattia multifattoriale provocata da un insieme di cause, anche l’approccio di cura è combinato. Si ricorre:

e alla fine… si sta meglio.

facciamo chiarezza… cosa NON É l’endometriosi?

l’endometriosi NON É una malattia autoimmune

La malattia autoimmune, per chiamarsi tale, deve avere certe caratteristiche. L’endometriosi ha alcune di queste caratteristiche, ma non tutte. Quindi, al momento si deduce che l’endometriosi non è una malattia autoimmune. Si propende più per l’ipotesi che sia una malattia capace di alterare il sistema immunitario: tanto da vincere le sue resistenze, addirittura farselo complice per crescere più velocemente.

l’endometriosi NON É un tumore

L’endometriosi non è un tumore, anche se ha cinque caratteristiche in comune coi tumori:

  1. invade i tessuti circostanti
  2. crea metastasi in luoghi distanti
  3. presenta un alto tasso di recidive
  4. (se è vera la teoria della metaplasia celomatica) può nascere da cellule che si trasformano
  5. come per la stadiazione oncologica, vengono enunciati quattro stadi di gravità

L’endometriosi è una patologia benigna che tende a diventare cronica.

È raro, però possibile, che una lesione di endometriosi possa degenerare in tumore dell’endometrio. Si tratta comunque di due cose ben distinte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *